Alla Pascoli festa dei nonni

Amare la propria famiglia. Rispettare gli anziani. Valorizzare le proprie radici. C’è tutto questo, e anche un po’ di più, nella “Festa dei nonni”, una ricorrenza nazionale che martedì 2 ottobre coinvolgerà, tra le tantissime scuole italiane che la celebrano, anche l’I.C. “Pascoli” di Matera.
Perché i nonni sono una componente importantissima nella nostra società: saggi ed amorevoli, spesso, con i genitori che lavorano, divengono sostegno essenziale al mantenimento degli equilibri familiari.
Viva i nonni, dunque: quando sono attivi, vanno a prendere i nipotini a scuola e in palestra, li fanno studiare nel pomeriggio. Ma viva i nonni anche quando sono più anziani, e questo li ha resi di nuovo un po’ bambini, privi di quell’energia e lucidità che avevano da giovani.
Viva i nonni sempre, insomma, perché sono la nostra memoria e accompagnano intere famiglie nel percorso della vita.
I plessi della scuola primaria Pascoli “Lazazzera”, “Lucrezio” e “Nitti” sono pronti, con iniziative speciali, a festeggiare in modo adeguato i nonni, che entreranno nelle classi, faranno delle attività con i bambini, racconteranno le loro esperienze di vita.
“La Festa dei nonni – spiega il DS Michele Ventrelli – è un evento cui teniamo molto, perché riteniamo che, nell’educazione delle giovani generazioni, la relazione con i nonni sia un passaggio fondamentale. Non sono un fan accanito di tutte le mode che arrivano dagli USA, ma questa ricorrenza, nata proprio negli Stati Uniti nel 1978, è bella, delicata, una giornata di sensibilizzazione importante, un appuntamento da non mancare”.
Le tre sedi della nostra scuola primaria, dunque, svolgeranno delle attività familiari che coinvolgano tutte le generazioni, e nel plesso Nitti, dove è allestita la mensa quotidiana, i bambini consumeranno il pranzo insieme ad alcuni nonni: un progetto bellissimo che andrà avanti per tutto l’anno. Così, quello del pasto sarà un momento pieno di calore, organizzato dalla scuola in collaborazione con il Comune di Matera, la parrocchia di quartiere “Maria SS. Addolorata” e il servizio mensa “Ladisa”.

gt