Spazio Ragazzi – Un fantastico viaggio

Incontrare un autore è sempre molto emozionante. È un modo per sentirlo più vicino, per costruire con lui un filo diretto. Con la professoressa Strada è stato facile costruire questo filo, perché leggere i suoi libri così coinvolgenti, e poi conoscere la personalità di chi li ha scritti, rende tutto più accattivante. Noi di 3 E abbiamo scelto, tra i tanti suoi libri, due dei quali la trama e i personaggi ci colpivano moltissimo: “Io, Emanuela” e “Io prima, io dopo”. L’incontro ci è piaciuto molto poiché l’autrice ha una forte personalità. Si faceva ascoltare, e nonostante abbia parlato non solo dei testi letti dalla nostra classe, ma anche di un libro che noi non avevamo letto, ha saputo catturare l’attenzione di tutti. Particolarmente interessante per noi è stato ascoltare ciò che c’è dietro ogni storia narrata, sia inventata che reale, e come Annalisa ci arrivi, ogni volta che nasce in lei l’idea di scrivere un nuovo libro.

L’incontro è stato divertente, coinvolgente, ma senza dubbio uno dei momenti che ci hanno emozionati di più è stato quando Annalisa Strada ci ha raccontato alcuni dettagli della storia di Emanuela, non presenti nel libro. Ha avuto, a nostro parere, una grande delicatezza nell’affrontare il tema di questa giovane e coraggiosa poliziotta, per non ferire i suoi familiari. Dall’incontro fatto con Strada siamo riusciti a cogliere l’importanza dell’argomento su cui si basa l’intera storia, argomento che fra l’altro avevamo già discusso in Storia. La scrittrice è stata molto disponibile e simpatica; è una persona molto carismatica, che ci ha apprezzati come suoi lettori, e per noi è stato particolarmente gratificante il fatto che le siano piaciuti i video da noi realizzati.

Quando è andata via, ha lasciato in tutti noi la percezione di essere una donna capace, sensibile, e questo “incontro con l’autore” si è rivelato quindi non solo piacevole, ma soprattutto istruttivo ed emozionante.

Stefania Iacovino, Carlotta Noviello, Sofia Pennuzzi Classe 3 E

E’ stato bello dare un volto a chi ha scritto “Le medie. Ok…panico”, cioè quel libro che ci ha tenuto compagnia in classe per tutto il primo quadrimestre, facendoci divertire ed emozionare. L’ incontro con Annalisa Strada ci ha molto coinvolti poiché ha toccato diversi argomenti, tra cui la mafia, a cui il libro “Io, Emanuela” fa riferimento: non è il testo che abbiamo letto noi, ma sentirne parlare, oggi, ci ha incuriosito e commosso. Il nostro libro invece era più adatto alla nostra fascia di età: il tema centrale sono le tipologie di studenti presenti nelle classi, che l’autrice, dalla sua esperienza di docente, ha un po’ raccontato nel suo “Le medie…ok, panico”. Un libro ironico che ci ha strappato moltissime risate.

Ma la professoressa Strada ha saputo tenerci incollati ai gradoni del teatrino anche con altro: ad esempio, parlando di Lorenzo, un suo ex alunno un po’ geniale un po’ caotico, che le è rimasto nel cuore: tra gli aneddoti che lo avevano visto protagonista, ce n’era uno che ci ha molto divertiti. Il ragazzino aveva deciso insieme alla classe, durante un lavoro con la “linea del tempo”, di far valere un quadratino 5 anni. Poi la professoressa Strada notò che lui stava stranamente usando un quaderno a righi; alla sua richiesta di spiegazioni, Lorenzo riuscì a cavarsela “in calcio d’angolo”.

La nostra “amica autrice” ci ha raccontato anche l’incredibile avventura accaduta ad un suo amico, Sergio Romagnoli, un giornalista bizzarro che aveva il progetto di visitare almeno 100 nazioni prima di diventare vecchio. Tra i luoghi visitati, era stato in Nepal, il paese dove c’è la più alta percentuale di suicidi, e si era sottoposto ad una sorta di macabro “rito” messo a punto dal governo nepalese, per prevenire i suicidi.

I racconti della scrittrice sono stati lunghi ma mai noiosi, anzi chiari ed interessanti.

Annalisa è riuscita ad attrarre l’attenzione e l’interesse di tutti noi che, per ringraziarla del tempo trascorso assieme, le abbiamo regalato un libricino scritto da noi della 1 H che contiene alcuni episodi divertenti accaduti in classe.

Prima di andare via, l’autrice ha firmato con gioia i libri di lettura di tutti noi alunni, ringraziandoci per l’attenzione, e la giornata si è conclusa in un clima di entusiasmo e allegria.

Lara D’Ambrosio, Luca Rosmarino Classe 1 H